Roberto Prosseda è attualmente l'unico musicista che tiene regolarmente concerti al pedal piano. Chiamato anche piano-pédalier o Pedalflügel, si tratta di un pianoforte doppio, dotato di una pedaliera simile all'organo, collegata ad un secondo pianoforte. È uno strumento caro a Mozart, Schumann e Alkan, caduto in disuso all’inizio del Novcento e ora riportato in auge dallo stesso Prosseda che ha debuttato al pedal piano l'11 settembre 2011 presentando in prima esecuzione moderna il Concerto in Mi bemolle maggiore di Charles Gounod (1893) per piano-pédalier e orchestra, con la Filarmonica Toscanini di Parma diretta da Jan Latham Koenig. Il 20 aprile 2012 il Wall Street Journal ha dedicato un’intera pagina al suo progetto di riscoperta del repertorio per piano-pédalier (Mozart, Schumann, Alkan, Gounod) e dello strumento stesso.

Prosseda ha commissionato all’organaro Pinchi una particolare pedaliera, abbinabile a due pianoforti a cosa, così da ottenere un piano-pédalier in qualsiasi sala da concerto dotata di due pianoforti a coda, con una minima spesa di trasporto. Il Pinchi Pedalpiano System ha un’estensione di 5 ottave e tre registri (16’, 8’, 4’), così da rendere il timbro della pedaliera di estrema varietà e ricchezza. Si monta in meno di un'ora e si smonta in 15 minuti circa.

Nel 2013, in occasione del 200° anniversario della nascita di Charles Valentin Alkan, Prosseda ha eseguito gran parte della sua musica per piano-pédalier. Vari compositori hanno composto nuovi brani per piano-pédalier dedicati a Roberto Prosseda, tra cui Michael Bakrnčev, Nimrod Borenstein, Nicola Campogrande, Luca Lombardi, Giuseppe Lupis, Ennio e Andrea Morricone, Michael Glenn Williams.     

Prosseda si è spesso esibito al piano-pédalier anche come solista con orchestra, suonando il Concerto di Gounod con i Berliner Symphoniker, la Staatskapelle di Weimar, la Filarmonica di Lahti, la Netherlands Symphony Orchestra, l'Orchestra della Radio Svizzera Italiana, la Aalborg Symphony Orchestra, l'Orchestra Sinfonica Siciliana e la Toscanini di Parma. Nell’ottobre 2012 ha inciso un CD con quattro brani per piano-pédalier e orchestra di Gounod in prima assoluta, con l’Orchestra della Radio Svizzera Italiana diretta da Howard Shelley (Hyperion).

 

REPERTORIO CON ORCHESTRA

Wolfgang Amadeus Mozart: 
Concerto K 466 in re minore (ricostruzione della versione per piano-pédalier e orchestra a cura di Francesco Finotti, 2012). 

Charles Gounod:
Concerto in mi bemolle maggiore per piano-pédalier e orchestra (1889)
Suite Concertante per piano-pédalier e orchestra (1888)
Danse Romaine per piano-pédalier e orchestra (1885)
Phantasie sur l'Hymne Russe per piano-pédalier e orchestra (1886)

Cristian Carrara: 
Magnificat per piano-pédalier e orchestra (2011) 

 

REPERTORIO SOLISITICO (selezione)

Johann Sebastian Bach:
Passacaglia in C minor BWX 582 für zwei Claviere mit Pedal

Wolfgang Amadeus Mozart: 
Fantasia in F minor K 608 for mechanical organ

Robert Schumann:
6 Etuden für den Pedalflügel op. 56
4 Skizzen für den Pedalflügel op. 58

François Boëly:
Fantaisie et Fugue op. 18 n. 6 pour piano-pédalier

Franz Liszt:
Fantasy and Fugue on the chorale "Ad nos, ad salutarem undam" für Pedalfügel

Charles-Valentin Alkan:
Benedictus op. 54 pour piano-pédalier
Impromptu op. 69 pour piano-pédalier
13 Prières op. 64 pour piano-pédalier
3 Etudes pour les pieds seulement 
11 Grands Préludes op. 66 pour piano-pédalier

Charles Gounod:
Marche Funèbre pour une Marionette (version for piano-pédalier by Giuseppe Lupis)

Ennio Morricone:
Studio IV bis per piano-pedaliera (2011)
Hommage à JSB (2011)

Nimrod Borenstein:
Fireworks (2012)

Nicola Campogrande:
Corale & Pedmix (2013)

M.G. Williams:
Tip-Tap (2012)

Giuseppe Lupis:
8 Variations on "Ah vou dirai je, mamam" (2012)
Variazioni di bravura per sola pedaliera (2012)

Michael Bakrnčev: 
4 pieces:
I: Let The Sun Shine 
II: Dusk  
III: Melody 
IV: Earth Dance